1861-2011 - Buon compleanno, Italia

Epitaffio sulla tomba di un malato di insonnia: "sono guarito!".

Ma perché?

3 Commenti

In Italia bisogna avere una gran pazienza se si vogliono usare i mezzi pubblici, e questa è un’opinione assai diffusa e oramai consolidata: se c’è una cosa che proprio non mi manca è la pazienza, ma certe volte mi chiedo chi diavolo me lo fa fare… Vi narro gli avvenimenti di oggi: dovendo recarmi a Cambiago ed essendo in possesso del mio fidato abbonamento, mi sono recato alla fermata della z301 (Piazzale direzione II tronco autostradale, Novate Milanese). Sono un po’ in anticipo e quindi aspetto, ma questo non è un problema: il bus si rivelerà perfettamente puntuale, salvo che stava per saltare la mia fermata! Alla fine con fortuna e sprezzo del pericolo l’ho raggiunto, ma poi mi sono messo a pensare al perché. Non l’ho trovato. Dite che se chiedo alla Nordest Trasporti (NET per gli amici) me lo dicono? 🙂

Riaprite quel cancello!

4 Commenti

Mi pareva che fosse troppo bello per essere vero! 🙁

Spettabile

Autostrade per l’Italia S.p.A.
Direzione del II tronco
Via della Polveriera 9
20026 Novate Milanese MI

NET S.r.l.
Via Ricasoli 1
20121 Milano MI

e p.c.
Comune di Novate Milanese
Ufficio Relazioni con il Pubblico
Viale Vittorio Veneto 18
20026 Novate Milanese MI

Buongiorno,
Sono un utente della linea z301 (Milano-Bergamo) sulla tratta Novate-Cavenago e oggi, disceso dalla corsa in direzione Milano in partenza da BG alle ore 17:00, ho avuto l’amara sorpresa di trovare chiuso con una pesante catena il tornello di uscita dall’area di servizio verso la viabilità ordinaria.

I gestori dell’area di servizio, cui ci siamo rivolti, ci hanno comunicato che la decisione di chiudere il tornello è stata presa dalla società Autostrade per l’Italia.

L’attivazione della fermata sul territorio di Novate è stata molto apprezzata da me e da altri pendolari che gravitano sulla direttrice Milano-Bergamo e vedere che le (peraltro modeste) esigenze di noi utenti del trasporto pubblico locale siano così vituperate non può che rattristarmi profondamente e preoccuparmi.

Con la presente sono a chiedere a chi di dovere la riapertura del tornello in questione e, nel contempo, la posa della palina di fermata nel piazzale della direzione del II tronco (corsia sud, direzione BG) in quanto a tutt’oggi non esistente, per sancire l’ufficialità della fermata, come risultante dal comunicato in allegato.

Confido in una pronta risoluzione di questo inconveniente e mi auguro di poter continuare ad utilizzare la comodissima z301.

Cordiali saluti,
Davide Oliva

Ma quanto mi costi?

6 Commenti

Stavo facendo quattro conti in merito a quanto mi costa raggiungere il mio posto di lavoro, a Cambiago. Ogni giorno sono 60 Km (30+30) prevalentemente in autostrada e la mia ipotesi è di percorrere 12 Km con un litro di carburante. Tenendo conto che il prezzo medio della benzina, ad oggi, è di 1,548€ al litro, ottengo una spesa di 7,74€ al giorno, cui si sommano 2,80€ di pedaggi autostrdadali, per un totale di 10,54€ al giorno. Tutto ciò senza contare ammortamento del mezzo e altri costi (tasse, assicurazione, manutenzioni…). Conviene che rifletta sull’utilizzare nuovamente il trasporto pubblico locale.

Mannaggia che spavento!

7 Commenti

Ieri sera me ne stavo tornando verso casa come al solito guidando sull’inferno d’asfalto noto anche come A4. Il solito “traffico rallentato” imponeva a tutti quanti un’andatura tutt’altro che sportiva ed io, come al solito, me ne stavo sulla corsia di destra a riflettere sul perché di questo quotidiano supplizio ascoltando musica rilassante. Arrivato quindi alla mia destinazione, l’uscita di Cormano, metto la mia brava freccia a destra e comincio a spostarmi per entrare nella corsia di decelerazione quando… mannaggia che spavento! Un maxiscooter (poteva essere un Yamaha Majesty, ma non ne sono sicuro) arriva a “velocità smodata” (cit.) sulla corsia di emergenza passandomi a pochi centimetri dalla fiancata destra. Forse non ho il sangue freddo necessario per circolare sulle italiche autostrade, ma a certa gentaccia la patente dovrebbero farla a coriandoli.

P.S. Non fate commenti del tipo “non ti funziona la freccia posteriore”, perché funzionano tutte ed ero già per metà nella corsia di uscita.

A4: niente di nuovo sul fronte autostradale

3 Commenti

Perdonerete la parafrasi del libro di Erich Maria Remarque, ma oramai viaggiare sulle nostre disastrate autostrade assomiglia sempre di più ad una battaglia. Giunge infatti notizia della solita apocalisse sull’autostrada più trafficata d’Italia: autostrada chiusa dal raccordo con la tangenziale Est e Capriate per il tamponamento tra cinque mezzi pesanti, coda di 8 Km prima della chiusura; in direzione opposta coda di 12 Km per i curiosi… insomma… il solito inferno. La sicurezza stradale, a parole, è uno dei problemi più sentiti, ma a quanto pare, solo il sabato sera e solo quando si può demonizzare la velocità . Questa mattina la velocità non c’entra nulla eppure l’incidente causa gravissimi danni. Dunque? Perché non puntare il dito sui comportamenti criminali che si vedono quotidianamente e rimangono perlopiù impuniti? Vogliamo dunque parlare di altro rispetto ai limiti di velocità? Vogliamo parlare di chi non rispetta la distanza di sicurezza? Vogliamo parlare dello zigzag tra le corsie? Vogliamo parlare di quelli che, ad autostrada libera, passeggiano a 90Km/h in corsia centrale? Tutti comportamenti che generano turbative nel traffico, aumentando il rischio di incidenti. Serve un forte impegno da parte di tutti per rendere le nostre strade meno rischiose e più vivibili.

Dodobooks: Autosole

Nessun commento

Con questo post, il vostro Dodo prenderà l’abitudine di scrivere qualche riga su ogni libro che, per diletto o necessità , si troverà a divorare. Non saranno vere e proprie recensioni, anche perché non ne avrei di certo la capacità, ma semplicemente vorrei trasmettervi quello che il libro mi ha lasciato: emozioni o nozioni che siano. In questo caso abbiamo a che fare con un Lucarelli distante dal suo mondo “noir” e capace, in “Autosole” di tessere una ragnatela di racconti incentrati sul “non-luogo” autostrada, come lo definisce lui stesso. Vicende diverse e attori diversi, nei quali possiamo immedesimarci: unico protagonista il nastro d’asfalto che scorrerebbe veloce sotto le nostre ruote, non fosse per una coda interminabile. Per me, forzato autostradale, è stata una lettura assai piacevole e divertente: non posso che consigliarlo a tutti.

Attentato! :)

1 Commento

Cosa c’è di meglio, in primissima mattina (ore 7:20) della sbarra del casello che tenta di farti fuori nonostante il telepass abbia funzionato regolarmente? Meno male che stavo procedendo alla mia solita andatura da bradipo assonnato! 😉

Inferno d’asfalto

Nessun commento

No, amici, non è possibile. Stamane volevo provare una strada alternativa alla solita ed infernale A4, un inferno a tre corsie. Ebbene? La tangenziale Nord è un’inferno su due corsie, quindi se possibile ancora peggiore! E’ bastato un lievissimo tamponamento per causare una colonna di autoveicoli da Paderno sino a Monza… bleah… e per di più, subito dopo Cavenago c’è stato un altro incidente. Ridatemi i mezzi pubblici!!!

Cominciamo bene…

2 Commenti

… la giornata: un ora e 10 minuti di traffico nell’infernale A4 per fare 26 miseri chilometri, bleah! 🙁 Sento tutti che si lamentano del trasporto pubblico, dei suoi ritardi e delle sue mancanze, ma io non so cosa pagherei per avere un treno, una metropolitana o un qualsiasi mezzo, alternativo all’automobile, con orari umani!