1861-2011 - Buon compleanno, Italia

Nessuno muore oggi per una terribile verità: ci sono troppi antidoti ad essa.

- Friedrich Nietzsche

Mannaggia che spavento!

7 Commenti

Ieri sera me ne stavo tornando verso casa come al solito guidando sull’inferno d’asfalto noto anche come A4. Il solito “traffico rallentato” imponeva a tutti quanti un’andatura tutt’altro che sportiva ed io, come al solito, me ne stavo sulla corsia di destra a riflettere sul perché di questo quotidiano supplizio ascoltando musica rilassante. Arrivato quindi alla mia destinazione, l’uscita di Cormano, metto la mia brava freccia a destra e comincio a spostarmi per entrare nella corsia di decelerazione quando… mannaggia che spavento! Un maxiscooter (poteva essere un Yamaha Majesty, ma non ne sono sicuro) arriva a “velocità smodata” (cit.) sulla corsia di emergenza passandomi a pochi centimetri dalla fiancata destra. Forse non ho il sangue freddo necessario per circolare sulle italiche autostrade, ma a certa gentaccia la patente dovrebbero farla a coriandoli.

P.S. Non fate commenti del tipo “non ti funziona la freccia posteriore”, perché funzionano tutte ed ero già per metà nella corsia di uscita.

A4: niente di nuovo sul fronte autostradale

3 Commenti

Perdonerete la parafrasi del libro di Erich Maria Remarque, ma oramai viaggiare sulle nostre disastrate autostrade assomiglia sempre di più ad una battaglia. Giunge infatti notizia della solita apocalisse sull’autostrada più trafficata d’Italia: autostrada chiusa dal raccordo con la tangenziale Est e Capriate per il tamponamento tra cinque mezzi pesanti, coda di 8 Km prima della chiusura; in direzione opposta coda di 12 Km per i curiosi… insomma… il solito inferno. La sicurezza stradale, a parole, è uno dei problemi più sentiti, ma a quanto pare, solo il sabato sera e solo quando si può demonizzare la velocità . Questa mattina la velocità non c’entra nulla eppure l’incidente causa gravissimi danni. Dunque? Perché non puntare il dito sui comportamenti criminali che si vedono quotidianamente e rimangono perlopiù impuniti? Vogliamo dunque parlare di altro rispetto ai limiti di velocità? Vogliamo parlare di chi non rispetta la distanza di sicurezza? Vogliamo parlare dello zigzag tra le corsie? Vogliamo parlare di quelli che, ad autostrada libera, passeggiano a 90Km/h in corsia centrale? Tutti comportamenti che generano turbative nel traffico, aumentando il rischio di incidenti. Serve un forte impegno da parte di tutti per rendere le nostre strade meno rischiose e più vivibili.

Sondaggisti all’opera

2 Commenti

Vi racconto quello che mi è successo stamane: ho preso la macchina e sono andato a comprare alcune cianfrusaglie al Metropoli. Circa 200 metri prima del centro commerciale, in territorio novatese, una pattuglia della Polizia Locale di Milano fermava gli sventurati automobilisti al fine di farli sottoporre ad una (breve, per fortuna) intervista relativa al ticket di ingresso.
Ora, a parte che i Vigili di Milano dovrebbero farmi il piacere di non sconfinare, per una cosa come questa poi… (Ho chiesto se fossero autorizzati dal Comune di Novate ma non ho ottenuto risposta) mi chiedo se a voi sembra logico impegnare un’autopattuglia per fermare gli automobilisti ed “obbligarli” a rispondere ad un sondaggio.
Giusto per vostra informazioni mi hanno chiesto:

  • Residenza
  • Origine e destinazione del viaggio
  • Tipo di parcheggio utilizzato all’arrivo: box, a pagamento, autosilo, ricerca spasmodica di parcheggio gratuito, selvaggio… 😀

Mi ricorda tanto la famosa scena di “Non ci resta che piangere”: Chi siete? Cosa portate? Si, ma quanti siete? Un fiorino! Solo che per adesso il “fiorino” non l’hanno voluto… poi vorranno il fiorino e se ne fregheranno del resto! 😀

Inferno d’asfalto

Nessun commento

No, amici, non è possibile. Stamane volevo provare una strada alternativa alla solita ed infernale A4, un inferno a tre corsie. Ebbene? La tangenziale Nord è un’inferno su due corsie, quindi se possibile ancora peggiore! E’ bastato un lievissimo tamponamento per causare una colonna di autoveicoli da Paderno sino a Monza… bleah… e per di più, subito dopo Cavenago c’è stato un altro incidente. Ridatemi i mezzi pubblici!!!

Cominciamo bene…

2 Commenti

… la giornata: un ora e 10 minuti di traffico nell’infernale A4 per fare 26 miseri chilometri, bleah! 🙁 Sento tutti che si lamentano del trasporto pubblico, dei suoi ritardi e delle sue mancanze, ma io non so cosa pagherei per avere un treno, una metropolitana o un qualsiasi mezzo, alternativo all’automobile, con orari umani!